Get Adobe Flash player
Home Arte e Storia I Santi Patroni

I Santi Patroni

san siro

Santo titolare: SAN SIRO, Vescovo

La Chiesa Cattolica lo ricorda il 29 giugno, giorno della sua nascita al cielo. In liguria e a San Remo, la sua festa di celebra il 7 luglio a ricordo della traslazione di una parte delle sue sacre reliquie dalla chiesa degli Apostli alla Cattedrale di San Lorenzo ad opera del Vescovo Landolfo (1019-1034) nel 1019. Il culto per il Santo Siro si diffuse in tutta la Liguria (Genova, Nervi, Struppa) e in Piemonte (Mondovì) e a Desio. Ovviamente anche a San Remoa cui venne  dedicata la Pieve Battesimale in cui aveva operato quale diacono Siro.

Nel XII secolo a San Remo venne eretta una chiesa più grande al posto dell'antica Pieve di San Siro (che è la nostra Basilica Concattedrale) e consacrata dall'Arcivescovo di Genova nell'ottobre del 1143, col titolo di "San Siro, Vescovo". 

Leggi tutta la storia di San Siro

  

san romolo

Santo patrono della città di Sanremo: SAN ROMOLO, Vescovo

Se l'Arcidiocesi di Genova lo commemora il 6 novembre, insieme ai santi vescovi Valentino e Felice, nella città di San Remo si festeggia da tempo immemorabile il giorno della sua morte: il 13 ottobre. In questo giorno, festività cittadina, la Chiesa di San Remo celebra la Solenne Festa del Santo Patrono (art. 3 n. 6 dello Statuto della Città di San Remo).

 

COMPATRONA della città di Sanremo è la B.V. MARIA, REGINA DEL ROSARIO. All'inizio del sec. XVIII infatti la città di Sanremo venne risparmiata dalla peste grazie alle suppliche e alle preghiere della popolazione raccolta presso la statua lignea della Madonna del Rosario venerata e custodita presso San Siro. Per la grazia ricevuta, la popolazione decise di tributare un atto di fede e di solenne riconoscimento alla Regina del Rosario

 

Leggi la storia di San Romolo

 

 

 

La lettera

don alvi_qu

Cari parrocchiani,

nella scorsa primavera le nostre Parrocchie si sono lasciate “fotografare” dai Parrocchiani. Mi riferisco al “SONDAGGIO” a cui hanno partecipato molte persone (parrocchiani soprattutto, ma anche amici) e i cui risultati sono stati molto interessanti.

Sono emerse alcune criticità insieme a tanti apprezzamenti per il lavoro che viene portato avanti. E insieme alle criticità e agli apprezzamenti anche proposte per rendere le nostre parrocchie sempre più Comunità vive, capaci di testimoniare sul nostro territorio la bellezza della vita cristiana e la gioia della fede in Gesù, crocifisso e risorto.

Il sondaggio non voleva certo essere fine a se stesso, ma voleva essere un’occasione, un input, per un rinnovato impegno pastorale. Abbiamo quindi pensato, insieme al Consiglio pastorale interparrocchiale, che fosse utile e bello condividere i risultati con tutti, in uno stile sinodale.

Leggi tutto...